Blockchain e privacy, si cerca la soluzione

Per quanto Privacy Italiana continui a ritenere che sia un po’ sopravvalutata, nessuno nega che la tecnologia blockchain abbia delle potenzialità interessanti e possa dare vantaggi importanti in diversi ambiti. Tuttavia il maggior punto debole in termini di rispetto della normativa è l’impossibilità di cancellare i dati senza cancellare l’intera catena. Il diritto all’oblio, il diritto di ritirare un consenso e chiedere la cancellazione dei dati non possono essere assicurati, in palese contrasto con il GDPR. Già in passato i Garanti hanno cercato un compromesso, per non perdere i vantaggi tecnologici e nel contempo rispettare le norme, individuando in una cifratura parziale una possibile soluzione; ora l’Unione Europea tenta di risolvere le difficoltà stanziano fondi per studi espressamente finalizzati a rendere compatibili blockchain e GDPR, anche se, a prima vista, sembra una quadratura del cerchio.

L’Unione investe sulla compatibilità blockchain – GDPR

Blockchain e prvacy in Europa

Il quadro normativo

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.