venerdì, Giugno 21, 2024
Articoli italianiArticoli stranieri

Il Data Act

Tra le innovazioni più interessanti del GDPR c’è il concetto di portabilità dei dati, che non solo rappresenta un’opportunità commerciale, ma costituisce una rivoluzione concettuale: i dati non sono di chi li raccoglie, che quindi ha diritto di tenerseli, ma di chi li genera, che quindi ha diritto di gestirli e spostarli come meglio crede. Un po’ come avvenuto con il numero di telefono, che non è più peculiarità del gestore ma, una volta assegnato, resta di proprietà del cliente e può essere quindi spostato da una Telco all’altra. Tuttavia si tratta, al momento, più di una dichiarazione d’intenti che di un’applicazione pratica; nasce quindi il data act, finalizzato ad una migliore gestione complessiva dei dati, con finalità scientifiche ed economiche, ed in particolare a dare attuazione a questo principio di portabilità dei dati.

Data act, il piano dell’Europa

Il comunicato stampa

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *