lunedì, Maggio 27, 2024
Articoli stranieri

Il Parlamento UE ed il riconoscimento biometrico

Non solo riconoscimento facciale o impronte, ma tanti altri parametri biometrici ci distinguono dagli altri, ci identificano in modo univoco. Arriva dal Parlamento UE uno studio, commissionato dal Dipartimento tematico per i diritti dei cittadini e gli affari costituzionali del Parlamento europeo su richiesta delle commissioni JURI e PETI, che analizza l’uso delle tecniche biometriche da una prospettiva etica e giuridica. Le tecniche biometriche sollevano una serie di problemi etici specifici, poiché un individuo non può facilmente modificare le caratteristiche biometriche e poiché queste tecniche tendono ad analizzare il corpo umano e, in definitiva, nell’intimo dell’essere umano. Ulteriori problemi sono più generalmente associati alla sorveglianza su larga scala, al processo decisionale algoritmico o alla profilazione. Lo studio analizza diversi tipi di tecniche biometriche ed offre suggerimenti per sviluppare la legislazione dell’UE.

Riconoscimento biometrico ed etica

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *