martedì, Maggio 21, 2024
Articoli italiani

Sistemi AI: privacy ed equità

Nel passato come nel presente molti casi di scarsa equità sono stati segnalati a causa di comportamenti umani più o meno consapevoli: un capo può giudicare in modo diverso uno stesso comportamento a seconda che la persona che ha davanti sia più o meno simpatica o più o meno carina (secondo il suo personalissimo giudizio) oppure a seconda che sia allegro o arrabbiato per cause completamente esterne alla situazione del momento. Un sistema di intelligenza artificiale dovrebbe invece essere estraneo a queste dinamiche ed essere totalmente imparziale e costante nel giudizio. Purtroppo abbiamo imparato che così non è, dato che i pregiudizi e le peculiarità del progettista e dell’istruttore si riflettono sul “comportamento” che l’AI finirà con l’assumere. In attesa di costruire la società perfetta, tentiamo almeno di minimizzare i danni, con metodi che sin dalla progettazione siano orientati alla privacy ed all’equità.

Privacy ed equità nella progettazione delle AI

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *