lunedì, Maggio 27, 2024
Articoli italiani

Tragedie, informazione e privacy

Una cabina di una funivia si stacca dai cavi ed uccide 14 persone, lasciando orfano e con traumi gravi l’unico sopravvissuto. Dopo pochi giorni la dinamica è chiara: i freni di emergenza erano disattivati a la rottura della fune traente non ha lasciato scampo ai passeggeri. Il video trasmesso dalla TV e dai media online ha confermato questa versione, senza aggiungere nulla di più. In realtà una piccola informazione emerge: l’addetto che aspettava l’arrivo della cabina si volta improvvisamente a guardare l’interno della stazione verso l’alto, probabilmente perché ha sentito un forte colpo, il che farebbe pensare che la fune non si è rotta nei pressi dell’attacco alla cabina, come ipotizzato in precedenza, ma sulla ruota della stazione. Questa però è un’idea, saranno i periti, con ben altri strumenti a disposizione, a verificare. Allora valeva la pena di mostrare il video? Si tratta di informazione o di spettacolarizzazione del dolore? La maggior parte degli ascoltatori si è indignata, altri hanno osservato che ad indignare deve essere l’incidente e le sue cause, non il video. Lasciamo ad ognuno giudicare secondo la propria sensibilità. Ciò che vogliamo evidenziare, per gli scopi di queste pagine, è l’aspetto della privacy, dato che anche il Garante è intervenuto con un comunicato, che ha fatto seguito quello della Procura di Verbania. In realtà il Garante non ha riscontrato una violazione normativa, dato che tutti i siti che abbiamo avuto modo di verificare oscuravano i volti delle persone nelle fasi inziali, non più visibili negli istanti successivi, per cui non vi è alcuna persona identificata o identificabile in alcun fotogramma, tuttavia l’Autorità ha voluto fare sentire la propria voce.

Il comunicato del Garante

Il comunicato della Procura

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *