GDPR e trasferimento dati fuori dalla UE

Il GDPR protegge i cittadini europei anche al di fuori dei confini. E’ quindi compito del titolare accertarsi che il trasferimento di dati all’estero mantenga gli standard previsti dal Regolamento. Questo è vero anche se il trasferimento avviene perché i dati sono salvati in cloud, sistema che presenta molti vantaggi ma anche alcuni rischi, tanto che una significativa percentuale dei sistemi cloud risulta compromessa. Anche per questo occorre scegliere bene il provider cloud, verificare non solo i costi ma la qualità del servizio e blindare opportunamente il contratto di fornitura, senza limitarsi al modulo standard, che spesso non viene neppure letto.

Considerazioni sul trasferimento dati fuori dall’UE

Molte aziende hanno il loro cloud compromesso

Importante l’approccio giuridico al cloud

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *