giovedì, Maggio 30, 2024
Articoli italiani

Obbligo di registrazione illegittimo

Vuoi comprare un profumo e ti fanno compilare venti pagine, chiedendo pure come si chiamava la tata che ti ha guardato da piccolo? E’ illegittimo. A parte l’iperbole, la registrazione ad un sito dovrebbe essere un atto volontario che presuppone l’intenzione di avere un rapporto continuativo, non un obbligo ad instaurare un qualche rapporto a fronte di un acquisto occasionale. Se quindi l’indirizzo di spedizione ed il nominativo sono dati imprescindibili per completare l’acquisto, non è legittimo che vengano poi conservati a tempo indeterminato, né che dall’acquisto occasionale derivi un’iscrizione automatica alla mailing list.

L’obbligo di registrazione non è in linea con il GDPR

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *