Dati del volto utenti Apple

Agli esperti di informatica e di privacy il dubbio è venuto fin da subito, ma ora sembra che l’attenzione sia stata catturata anche da quotidiani destinati al grande pubblico: l’iphone X, con il suo sistema di riconoscimento facciale, espone gli utenti ad alcuni rischi. Forse crea più problemi di quanti possa risolvere.

I dati facciali raccolti dal sistema potrebbero essere a disposizione anche di terze parti. Se già il fatto che i parametri biometrici siano conservati a Cupertino può non essere entusiasmante, il fatto che possano essere resi disponibili in modo poco controllato è certamente una preoccupazione. D’altra parte il sistema ha parecchie lacune. Cosa può succedere, ad esempio, se un partner, magari occasionale, punta il telefono sul proprietario mentre questi dorme? Accesso completo al dispositivo ed ai segreti che contiene?

D’altra parte, tutte quelle app gratuite, non solo dei sistemi Apple, che chiedono l’accesso alle foto anche quando non è funzionale al software in esecuzione, non possono acquisire parametri biometrici?

Riconoscimento facciale Apple

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *