giovedì, Giugno 13, 2024
Articoli italiani

Attenti ai codici nascosti

Oggigiorno nessuno scrive più un software da zero, a meno che non sia un programma di dieci righe. Normalmente si usano librerie, pezzi di codice già scritti, in proprio o da altri, si inseriscono elementi grafici o video… Non è detto che tutto questo software sia sicuro: non è insolito che un’API o una libreria vengono visti dal programmatore come una black box, che fornisce gli output che gli servono, ma della quale non conosce il funzionamento, non sa se oltre a quelle funzioni ne svolge altre, lecite o meno, ed anche quando lo sa non gli importa molto. Però, in un’ottica di privacy e di accountability, le questione non è affatto secondaria, perché nel momento in cui incorporo in un mio software un elemento ne divengo responsabile, dunque se un mio sito o una mia app svolge un trattamento dati illecito o comunque non dichiarato, non posso cavarmela dichiarando che lo fa a mia insaputa.

Attenzione al software che si incorpora

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *