lunedì, Giugno 24, 2024
Articoli italiani

Investigatori privati e privacy

A parte le varie autorizzazioni prefettizie, l’investigatore privato è tenuto a rispettare i principi del GDPR. In particolare, trattandosi di un’attività che per definizione va a interagire con dati di aziende e di privati, non si può proibire a priori di venire a contatto con dati personali, né si può evitare i venire a conoscenza di dati che riguardano persone del tutto estranee all’incarico. Pensiamo al classico caso di sospetto tradimento: nel seguire il soggetto si vedrà che questo va dal barbiere, parla con l’edicolante, con la cameriera del bar e poi magari si incontra effettivamente con l’amante: chiaramente tutti i dati non necessari dovranno essere scartati e non conservati. Nel caso contestato dal Garante l’investigatore aveva accertato che una lavoratrice effettivamente usufruiva dei permessi L. 104 per assistere la madre, ma è stato giudicato eccedere le finalità e quindi non rispettoso del principio di minimizzazione entrare nello specifico della malattia.

Per il Garante anche gli investigatori privati devono rispettare il principio di minimizzazione

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *