venerdì, Giugno 21, 2024
Articoli italianiArticoli stranieri

Google analytics viola il GDPR?

Ogni webmaster degno di questo nome usa qualche sistema di analisi per capire se il suo sito viene visitato, quali sono le pagine più richieste e quali quelle guardate più a lungo, cerca di capire da dove provengono i suoi visitatori, dove vanno dopo aver visitato il sito, da quali dispositivi navigano. Insomma, cerca di capire cosa funziona e cosa no, quali sono le esigenze e le aspettative degli utenti, così da migliorare l’offerta e non lavorare inutilmente. Ma tutti questi dati sono anonimi e aggregati oppure nominativi? e, se nominativi, se si può determinare nel dettaglio il singolo utente, che fine fanno? Google analytics, come la maggior parte delle imprese d’Oltreoceano, tende a condividere i dati con le autorità statunitensi, come più volte accertato in tante sentenze e decisioni dei vari Garanti. Stavolta tocca al Garante austriaco porre un freno, ma , come commentato giustamente da Privacy Network su LinkediIn, chi davvero rinuncerà a questo (e ad altri) servizi Google?

Il Garante austriaco contro Google Anlaytics

Il commento di Valigiablu

Il commento di Privacy Network

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *