domenica, Marzo 3, 2024
Articoli italiani

Attività di polizia e riconoscimento facciale

Ancora una volta sono le forze di polizia ad essere sotto esame da parte del Garante – finlandese, nel caso specifico – per presunte violazioni nel trattamento dei dati. L’utilizzo di tecniche di riconoscimento facciale può certamente essere di grande utilità nel lavoro d’indagine e prevenzione, ma deve essere gestio in modo corretto.

Il Grante finlandese interviene sul riconoscimento facciale a scopi di polizia

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *