lunedì, Maggio 27, 2024
Articoli italianiArticoli stranieri

Disperdere all’estero i nostri dati

Come le foglie nel vento dell’autunno, i nostri dati vengono dispersi nel cyberspazio spesso senza controllo. Già non è bello in assoluto, ma quando sono dati dello Stato, quando sono dati importanti da un punto di vista geopolitico la cosa è grave. Eppure pare che importi poco o nulla: molti Enti pubblici si appoggiano a cloud commerciali, molti siti pubblici hanno delle privacy policy che rispecchiano l’ignoranza di chi ha sviluppato il sito, neppure rendendosi conto di quali servizi usa e quale impatto hanno sui dati. E’ il caso, ad esempio, del sito di prenotazione vaccinale della Regione Lazio, come ci spiega l’esperto Matteo Flora, ma che non è affatto un caso isolato.

Il sito vaccinale della Regione Lazio

Dati italiani sparsi all’estero

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *