Quali rischi per chi non è conforme?

Molte imprese non sono pronte al GDPR e questo è un problema non solo italiano. Alcune non sono pronte per ignoranza e pazienza, anche se non è una scusante completa, si può capire che artigiani ed imprese familiari siano talmente concentrate sul lavoro da non avere tempo di leggere ed adeguarsi. Altre si sono rese conto in ritardo della portata dell’adempimento, magari pensavano di poter comprare un manualetto standard da qualche ditta di consulenza e tenerlo a portata di mano per essere a posto in caso di ispezione, ma ora si stanno affannando per fare il possibile. Vi sono però imprese che, pur consapevoli, hanno deciso di non investire risorse, pensando che le sanzioni siano minime e comunque non verranno irrorate.

Certo, nessuno si aspetta che il 25 maggio ci sarà una retata da parte delle forze dell’ordine per verificare quasi tutti i soggetti impattati dal GDPR, ed è sicuramente ragionevole aspettarsi un atteggiamento morbido quando inizieranno le ispezioni o verranno esaminate le prime segnalazioni per presunte violazioni, tuttavia sottovalutare l’impatto di una violazione sul bilancio aziendale, non solo per l’importo in sè, ma anche per eventuali risarcimenti, nonché per la percezione che possono avere i clienti sulla serietà dell’azienda è certamente molto rischioso.

GDPR: quali rischi per le imprese

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.