lunedì, Giugno 24, 2024
Articoli italiani

Arte o dato personale?

Non c’è campo dell’arte che non venga esplorato dall’AI: immagini che si ispirano allo stile di pittori famosi, poesie che si rifanno a Montale, Ungaretti o altri autori del passato, musiche il stile classico o pop. Non è questa la sede per unirsi al dibattito, filosofico prima che tecnico e giuridico, ohe sta impegnando pensatori e specialisti di tutto il mondo; certo è che, per imitare un grande del passato, occorre che questa figura ci sia stata: un’AI è in grado di imitare, più o meno bene, un’opera e uno stile, non è in grado di inventarne uno suo proprio. Interessante questa posizione di Guido Scorza, dell’Autorità Garante: poiché il GDPR si riferisce a persone identificate o identificabili, e poiché è evidente che alcuni stili artistici sono inconfondibili, il modo di scrivere di Camilleri o il modo di dipingere di Picasso, per fare degli esempi, sono un dato personale dell’Autore e come tale dev’essere protetto. Tuttavia ci sarebbe un altro punto da definire, ovvero le tempistiche. Deve esserci un momento dopo il quale un dato cessa di essere personale e diventa storico, quindi aperto allo studio, alla ricerca e, perché no, alla sperimentazione. Occorrerebbe definire in modo più chiaro questo aspetto.

Se l’opera dell’ingegno costituisce dato personale

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *