lunedì, Giugno 24, 2024
Articoli stranieri

L’Australia elimina le videocamere cinesi

Sulla scia di altre nazioni, anche l’Australia elimina le videocamere di sorveglianza cinesi, perché c’è il dubbio che, oltre a fare il loro lavoro, comunichino qualcosa in Cina, contro l’interesse nazionale australiano. Che il dubbio sia fondato o meno, potrebbe essere comunque un’idea da considerare in Europa, non solo per il fatto in sé, ma anche per rilanciare lo sviluppo tecnologico e industriale del continente. E poi pensiamo che tantissimi dispositivi portatili che ci portiamo costantemente appresso sono progettati e costruiti in Cina.

Messa al bando la videosorveglianza cinese in Australia

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *