venerdì, Giugno 21, 2024
Articoli italiani

Lavoratori e biometria: connubio impossibile?

Può essere comodo per tutti: all’ingresso della fabbrica un bel sistema di riconoscimento facciale, per cui non ci sono tornelli che rallentano il traffico, badge persi o dimenticati a casa, ingressi illegali con credenziali fasulle o rubate; si tratta di una comodità per il lavoratore e di una garanzia per l’impresa. Tutto bene, dunque? Non tanto, perché il trattamento di parametri biometrici costituisce una pesante invasione della sfera privata ed il Garante è di recente intervenuto per richiamare al rispetto del Regolamento, all’osservanza dei principi di proporzionalità e necessità, alla disponibilità di un’informativa adeguata. Ma è sempre vietato usare questi sistemi? Non esattamente, ci sono situazioni che lo rendono necessario e situazioni dove, con una corretta gestione, possono essere accettati.

Un lecito rilevamento biometrico dei lavoratori

Un commento sull’intervento del Garante

L’ordinanza ingiunzione del Garante

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *