sabato, Giugno 15, 2024
Articoli italiani

Dati ai fini di ricerca

Un importante parere del Garante sul cosiddetto “consenso a fasi progressive”. Non bisogna mai dimenticare che il GDPR nasce anche per favorire la libera circolazione dei dati, dove “libera” non significa “incontrollata”. Se quindi un set di dati è importante per una ricerca oncologica, può anche essere utilizzato al di là del consenso espresso. Se raccogliere il consenso risulta irragionevole, troppo oneroso o rischia di compromettere o ritardare eccessivamente il risultato si può precedere, con le dovute cautele e sotto il controllo dell’Autorità, eventualmente acquisendolo in seguito, man mano che il progetto verrà definito ed approvato dai comitati etici.

Parere del Garante sulla necessità di consenso per ricerche scientifiche

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *