mercoledì, Giugno 19, 2024
Articoli italiani

Se in vacanza qualcuno ci spia?

Qualche tempo fa, parlando con un esperto di sicurezza ambientale e intercettazioni, venimmo a sapere che mentre una volta su dieci chiamate per un controllo ed una bonifica almeno nove risultavano falsi allarmi, oggi su dieci chiamate in almeno nove casi qualcosa si trova. Un tempo un dispositivo di ascolto o visualizzazione era costoso, ingombrante e richiedeva cavi o comunque apparati di ricezione altrettanto sofisticati. Oggi, non foss’altro che utilizzando la fotocamera di uno smartphone, con pochi euro si riesce a realizzare un dispositivo con una lente minuscola e facilmente occultabile. E’ quindi purtroppo esperienza comune trovare cam nelle docce delle piscine o delle palestre, nei bagni o addirittura nelle camere di alberghi e B&B. Fortunatamente la tecnologia offe soluzioni altrettanto facile ed a prezzo altrettanto basso per difendersi, senza farsi accompagnare in albergo da una squadra di esperti in bonifica.

Come trovare dispositivi di spionaggio nascosti

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *