lunedì, Giugno 24, 2024
Articoli stranieri

Ma chi legge le privacy policy?

Si dice che la bugia più diffusa al mondo sia “ho letto e accettato i termini e le condizioni”. Quando andiamo su un sito, compriamo qualcosa, utilizziamo un servizio, raramente leggiamo le varie policy, e chi si azzarda, di solito, rinuncia dopo poche righe. Questo è già più che noto e molti esperti, infatti, suggeriscono di rivedere il concetto di “consenso”, quasi sempre non del tutto libero e consapevole. Però è interessante questa analisi del Washington Post, che ha provato a misurare quanto si dovrebbe leggere per avere piena consapevolezza delle privacy policy delle app istallate su uno smartphone. Sempre che, una volta lette, siano pienamente comprese.

Nessuno legge le policy

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *