venerdì, Giugno 21, 2024
Sentenze italiane

La certezza del diritto

Naturalmente nessuna norma può prevedere in modo puntuale tutte le situazioni che si vengono a creare e, conseguentemente, l’intervento del magistrato è soggetto ad interpretazioni soggettive, per cui una certa disuniformità di giudizio è fisiologica. Tuttavia una maggiore costanza nella giurisprudenza sarebbe auspicabile, perché, pur nella diversità delle situazioni concrete, non si capisce com’è che un “mi piace” ad un post pubblicato da altri possa costare una sanzione disciplinare, un riferimento generico possa portare ad una condanna (interessante comunque l’interpretazione del concetto di “identificabile” previsto dal GDPR), mentre una gogna mediatica nominativa la passi liscia. Situazioni diverse, certamente, ma neppure così lontane fra loro da garantire che un caso analogo renda prevedibile il risultato della sentenza.

Agente di polizia penitenziaria condannato per un like

Non viola la privacy un commento negativo dell’insegnate su un Social

Chi offende su FB è condannabile anche se non nomina la persona

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *