sabato, Marzo 2, 2024
Articoli italiani

Cosa si farebbe per uno sconto

Certo, lo sconto piace a tutti; non è solo questione di risparmiare in tempi di crisi o poter accedere a qualcosa che diversamente non ci si potrebbe permettere: l’idea di avere fatto una buona scelta, di avere avuto un vantaggio soddisfa anche chi può spendere. Tuttavia non sempre si tratta di approfittare di una generica promozione o di un buono acquisto: a volte lo sconto deriva da uno scambio: “ti do un buono se mi cedi i miei dati personali”. In questo caso occorre quantomeno valutare: se il buono sconto è di 5 euro, quanto valgono i dati che consegno? E poi, sono dati miei o di altri? Non è insolito che per uno sconto si chieda l’accesso alla rubrica, ovvero ai dati di tutti i nostri contatti – non necessariamente concordi – non solamente ai dati che riguardano noi stessi.

Troppe persone danno poco valore ai dati

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *