domenica, Aprile 21, 2024
Articoli italiani

Libera circolazione dei dati

Anche troppo spesso si pensa alle norme sulla protezione dei dati personali come ad una cassaforte, dalla quale raramente deve uscire qualcosa. In realtà il GDPR è stato pensato per proteggere, ma anche per favorire la libera circolazione dei dati. I due obiettivi non sono in antitesi: circolazione “libera” non vuol dire “incontrollata”: con adeguata informativa e consenso ottenuto in modo lecito, oppure per finalità di ricerca e statistica o comunque con altro criterio di liceità, è giusto che i dati possano circolare liberamente come le persone, le merci ed i capitali.

Libera circolazione dei dati: facciamo il punto

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *