Col GDPR inizia una nuova consapevolezza?

Troppo spesso il primo pericolo per gli utenti sono loro stessi: pur di avere una app gratis o uno sconto di qualche cent sono disposti ad acconsentire a qualunque cosa, senza neppure legger le condizioni di contratto.

Ora qualcosa inizia a cambiare, chissà se i due anni di preparazione al GDPR hanno influito, ed una ricerca svizzera dimostra che gli utenti iniziano a rinunciare ad alcuni servizi ritenuti un po’ troppo spioni.

Più attenzione alla privacy

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.