Garante UE fissa l’attenzione sul digitale

Oramai il trattamento non digitale dei dati rappresenta una percentuale irrisoria e poco impattante sulla privacy rispetto al trattamento digitale. Non che una cartella medica o un estratto conto bancario cartacei divulgati impropriamente non siano un problema, ma il focus generale è naturalmente sull’aspetto digitale. Di questo è ben consapevole il Garante europeo, che ha pubblicato il report annuale focalizzandosi sulla necessità di un’etica digitale.

Garante europeo sull’etica digitale

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.