giovedì, Giugno 13, 2024
Articoli italianiArticoli stranieri

Europa e USA: privacy è mare in tempesta

Altro che porto sicuro, i rapporti fra Europa e USA in termini di trattamento dei dati personali restano piuttosto burrascosi, anche se non mancano i tentativi di avvicinamento, largamente sollecitati da ambo le parti, forse persino più da parte USA che europea. Ma anche all’interno degli Stati Uniti non mancano i conflitti, soprattutto ora, dopo che la sentenza sull’aborto ha aperto le porte a sensibilità e legislazioni piuttosto diverse fra i diversi Stati. La California, ad esempio, vuole proporsi come baluardo dei diritti civili, come protezione di dati riguardanti gravidanze, aborti, cambi di sesso. Senza entrare nel merito delle singole problematiche, una legislazione quanto più uniforme possibile, sia tra Europa e USA, ma, in generale, a livello mondiale, tanto più sarebbe facile per ogni organizzazione impostare il proprio lavoro ed il proprio sistema di gestione. Senza contare che anche i cittadini, sempre più parte di un villaggio globale, restano confusi davanti a prescrizioni molto diverse a seconda di dove utilizzano lo smartphone. In questo senso è molto interessante questo post di un europeo che, per partecipare ad un convegno (in ambito business) si è visto fare domande sulla razza e sulle preferenze sessuali che in Europa avrebbero scatenato le ire di tutti i Garanti.

Al G7 privacy avvicinamento tra Europa e USA

La California vuole tutelare al massimo i dati di alcune minoranze

Un’esperienza di un europeo in USA

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *