Verso una privacy mondiale?

Certamente maggiore è l’uniformità, meglio è per la gestione dei commerci e degli scambi. Anche se le notizie di cronaca recenti hanno messo un po’ in dubbio l’idea di un interscambio continuo, che garantisca pace e prosperità, la globalizzazione è un fatto, che ha come conseguenza la possibilità di uno scambio globalizzato di dati. Ecco allora che diverse Nazioni spingono per una gestione internazionale della privacy, mentre Europa e Stati Uniti ritentano un accordo, dopo il fallimento del Privacy Shield. Però, non per essere pessimisti, ma fino a quando gli Stati Uniti non rivedranno profondamente il loro approccio alla gestione dei dati e finché l’accesso ai dati privati da parte delle Agenzie pubbliche sarà più simile al modello cinese che a quello europeo, sarà piuttosto difficile trovare un punto di equilibrio conforme al GDPR.

Varie nazioni spingono per una privacy uniforme

Un nuovo privacy shield

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.