lunedì, Luglio 15, 2024
Articoli italiani

Fascicolo sanitario: l’interessato decide

D’accordo, ci dovrebbe essere un rapporto di fiducia tra il medico ed il paziente ed il dottore dovrebbe garantire la riservatezza. Tuttavia possono esserci situazioni nelle quali un determinato episodio non è rilevante ai fini della patologia in esame ed il paziente non ha piacere che siano accessibili a tutti i medici. E’ quindi facoltà del paziente oscurare determinati dati sanitari, che quindi restano visibili all’interessato ed al medico che li ha generati, ma non ad altri sanitari. E’ quanto ha stabilito il Garante, con una decisione ineccepibile, almeno dal punto di vista del trattamento dei dati. Da un punto di vista sanitario, c’è tuttavia il rischio che il paziente, o perché valuta male l’importanza di un dato ai fini della patologia del momento, o perché – pur consapevole – si vergogna e preferisce rischiare, mettendo il medico in condizione di fare scelte sbagliata per mancanza di informazioni. Ma d’altra parte questo poteva ancora più facilmente avvenire anche con gli esami cartacei o le cartelle cliniche in fotocopia.

Il Garante sul fascicolo santiario elettronico

Un commento

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *