domenica, Aprile 14, 2024
Sentenze italiane

Risarcimenti sì, ma con moderazione

Se le sanzioni per i data breach sono piuttosto pesanti, con l’intento di dissuadere i Titolari dall’impegnarsi in una gestione corretta dei dati o – peggio – dall’utilizzarli impropriamente per avere vantaggi superiori alle sanzioni, per contro il GDPR non deve diventare un bancomat al quale tutti i cittadini che hanno subito una presunta violazione dei dati possono attingere. La Corte di Cassazione ha ribadito questo principio, ricordando che occorre individuare sempre in maniera analitica il danno conseguente al trattamento illegittimo, senza limitarsi a segnalare il presunto uso illecito dei suoi dati. Inoltre il danno subito deve essere dimostrato e consistente.

Nessun risarcimento per violazioni di poco conto

2021-07-10-Cassazione-16402

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *