venerdì, Luglio 19, 2024
Articoli italiani

Intelligenza Artificiale e privacy

Già oggi in USA oltre il 3% del PIL è generato da AI, mentre non è certo il dato della Cina, che, essendo tra i Paesi più avanzati in termini di Intelligenza Artificiale, ha un valore probabilmente più alto. L’Italia e l’Europa arrancano ed è essenziale non perdere il treno. Ma come si pongono questi sistemi nei confronti della privacy? Uno dei limiti dei programmi informatici, anche se molto evoluti, è di essere specializzati: un uomo è in grado di guidare un’auto, scrivere un articolo medico, eseguire un’operazione al cervello, scattare una fotografia, mentre un sistema AI è in grado di eseguire una sola di queste operazioni. Dunque se l’obiettivo è profilare una persona, per il programma tutti i metodi sono validi per raggiungere l’obiettivo. Occorre che la programmazione tenga conto delle norme accessorie, del rapporto costi/benefici, della proporzionalità, in una parola che i programmi rispettino un’etica.

Ai e privacy

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *