martedì, Maggio 21, 2024
Articoli italianiArticoli stranieri

Un’arma di distrazione di massa

Dopo una giornata di pausa domenicale, riprendiamo la lista infinita degli interventi sulla app che monitora i contatti, con l’idea di limitare la diffusione della pandemia attraverso un sistema di avvisi, che consenta a chi è stato a contatto con un positivo di sottoporci ai tamponi. Certo, sarebbe più efficace un sistema predittivo, che eviti di entrare in contatto con un positivo, a, nell’impossibilità tecnica di realizzarlo, accontentiamoci di quello che c’è. Ma molti Paesi stanno già facendo marcia indietro, i primi risultati portano a non ritenere il metodo del tutto attendibile, mentre il Garante UK analizza la questione, il Garante francese invita alla prudenza ed il Garante italiano offre una raccolta degli interventi in materia di tracciamento. Alla fine, forse l’intervento più bello è quello che paragona l’app ad un’aringa rossa, ad un sistema per sviare l’attenzione. Ovvero, come dicevamo nel titolo, alla fine questa app è un’arma di distrazione di massa.

Il Garante italiano offre una raccolta sul tracciamento

Il Garante UK si esprime

In Francia molti esperti si schierano contro l’app di tracciamento

Il Garante francese invita alla prudenza

In UK alcune opinioni contrarie all’app di tracciamento

Perché l’app funzioni occorrono dati migliori

La Germania cambia rotta

Israele rinuncia all’app di tracciamento

Ma come funziona questa app?

Alla fine di tutto il dibattito, l’app è un’aringa rossa

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *