martedì, Aprile 16, 2024
Articoli italiani

Privacy e social media

Social media è un’espressione generica che indica tecnologie e pratiche on line che le persone adottano per condividere contenuti testuali, immagini, video e audio. In questo spazio occorre comportarsi correttamente, rispettando le norme e la privacy di tutti, considerato il fatto che, mediante l’uso di tali strumenti, l’individuo, spesso involontariamente, sacrifica la propria riservatezza per fornire informazioni di sé.

Che cosa è 

La privacy nei social media è il diritto tutelato e garantito in capo all’utente che utilizzi tali applicazioni internet di controllare che le informazioni che lo riguardano vengano trattate nel rispetto delle norme che le regolano ed, in particolare, nel rispetto dell’autodeterminazione del singolo alla loro diffusione e, contestualmente, nel controllo delle notizie che lo riguardano. 

Facebook, con i suoi 343 milioni di utenti europei, può essere considerato uno dei soggetti più interessati dalla nuova normativa. Senza dimenticare che, in passato è stato più volte indagato, per un trattamento poco chiaro e cristallino delle informazioni, dai garanti per la privacy di diversi Stati europei. Tralasciando il tutorial ed alcune regole per la sicurezza dei propri account: dalla visibilità dei commenti alle foto, passando per le azioni da compiere in caso di violazione dei profili, gli aspetti più interessanti e significativi vengono pubblicati nella sezione dedicata alle regole sul trattamento dei dati per la creazione di pubblicità.

Come nasce un annuncio pubblicitario

Un aspetto da non sottovalutare è che una parte delle informazioni trattate dal social network viene condivisa con aziende e compagnie private. Nella sezione pubblicità, ad esempio viene spiegato il meccanismo attraverso il quale vengono visualizzati determinati annunci su siti web esterni. Il tutto sulla base delle proprie attività su Facebook. Infatti, il programma Audience Network permette alle aziende di estendere le proprie campagne pubblicitarie al di fuori dal social network. Insomma, se l’utente mette like a pagine dedicate alla cucina, troverà inserzioni inerenti a quell’argomento nei siti web in cui naviga.

E se si passa del tempo sul social network, spesso ci si accorge anche della comparsa di inserzioni pubblicitarie commissionate da aziende con cui si interagisce nella vita reale. Questo, perchè, se si condividono il numero di telefono o la mail con le stesse compagnie, possono essere utilizzati per generare annunci personalizzati. Allo stesso tempo, anche i prodotti ricercati su una piattaforma di e-commerce, possono diventare oggetto di un annuncio pubblicitario su Facebook. E ancora una volta, succede proprio perchè, quel determinato sito ha stipulato un contratto con il social network. E infine, come rimuovere le inserzioni indesiderate? basta modificare o eliminare le informazioni collezionate in una pagina: like alle pagine e commenti sulla quale vengono disegnati gli annunci pubblicitari personalizzati.

Insomma, ma quali sono i dati che vengono raccolti? Da una parte, le informazioni generate dalle azioni dirette: contenuti pubblicati, luoghi visitati, like e commenti. Senza dimenticare quelle indirette: tag nelle foto o nei commenti. Dall’altra ci sono tutta una serie di informazioni, che non vengono create (direttamente o indirettamente) ma estrapolate dalla rete di amici e contatti, dal tipo di dispositivo usato e dai siti web visitati (e che usufruiscono dei programmi di affiliazione di Facebook).

Per ovviare a tale problematica esistono nuove soluzioni per navigare in modo riservato

Dott Alessandro Pagliuca

Un add-on per Firfox contiene i dati raccolti da FB

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *