giovedì, Giugno 13, 2024
Articoli italiani

Alcuni dati sono pubblici, la salute no

Il Garante è intervenuto per fare chiarezza sui limiti nel rendere pubbliche determinate situazioni. Ad esempio nella scuola, dove è stato considerato lecito pubblicare le votazioni, ma non di lasciare trasparire lo stato di salute. Analogamente i Comuni sono tenuti a pubblicare delibere e determine, per darne conoscenza e per consentire il controllo democratico, ma prima di pubblicare documenti sull’albo pretorio on line, devono accertarsi che siano oscurate tutte le informazioni che non possono essere diffuse, in particolare i dati sulla salute di una persona. In difetto, si viene sanzionati, come accaduto ad un Comune che aveva illecitamente pubblicato dati personali.

La scuola e la pubblicazione

L’albo pretorio comunale

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *