giovedì, Giugno 13, 2024
Articoli stranieri

La privacy che verrà

Qualcuno disse che è sempre difficile fare previsioni, soprattutto sul futuro, ma nell’immediato alcune tendenze è possibile individuarle. Se il 2019 è stato l’anno in cui il GDPR ha cominciato ad ingranare, manifestando anche alcune lacune, e la California ha emanato il suo CCPA, il 2020 potrebbe essere l’anno dell’intelligenza artificiale, oltre che del consolidamento del GDPR. D’altra parte l’ICO continua ad impegnarsi su questo tema, pubblicando post e sollecitando uno sforzo pubblico per raccogliere idee e contributi al fine di produrre una guida e/o una normativa che regoli l’Intelligenza Artificiale.

Quali prospettive per la normativa privacy

L’ICO sull’Intelligenza Artificiale

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *