martedì, Aprile 23, 2024
Articoli italiani

I rischi della vittoria

Chi per ragioni professionali deve raccogliere le impronte digitali sa che non è questione banalissima. Un volta era appannaggio quasi esclusivo delle forze dell’ordine e, per i maschi, degli ufficiali che si occupavano della visita di leva. Oggi le impronte sono anche su passaporti e carta d’identità elettronica, quindi a faticare sono molti impiegati pubblici. Con i giovani è più facile, hanno la pelle fresca e si distende facilmente sul sensore, ma chi ha le dita consumate dal lavoro manuale o gli anziani crea qualche problema. Eppure c’è sempre chi riesce ad andare oltre, per cui qualche hacker è riuscito a ricavare le impronte dal segno di vittoria di una foto, gesto che non solo esprime la soddisfazione per un risultato conseguito, ma espone anche i polpastrelli ai malintenzionati. Certo, che le impronte digitali siano meno sicure di quanto si possa pensare era cosa nota, ma questa è sicuramente una novità a cui fare attenzione.

Il pericolo di mostrare i polpastrelli su una foto

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *