martedì, Aprile 16, 2024
Articoli italiani

Falla nel sistema crittografico degli SSD

Sappiamo che un banale smarrimento di una chiavetta USB con dati personali costituisce un data breach, una violazione che deve essere notificata al Garante e richiede l’attivazione di una procedura specifica. Oggi le chiavette hanno capacità enormi, per cui su una chiavetta da 64 o 128 GB possono essere presenti quantità di dati altrettanto enormi, per cui la violazione può essere tutt’altro che minima.

Una soluzione è quella di cifrare i dati: se i dati non sono accessibili, il furto o lo smarrimento non comporta problemi di sicurezza. Già, ma se anche la cifratura non è sufficiente? Se anche un SSD cifrato può essere violato?

Problemi con la cifratura degli SSD

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *