domenica, Aprile 21, 2024
Sentenze italiane

Il data base della polizia può conservare dati per 20 anni

Secondo la Corte di Cassazione vi è un interesse pubblico alla conservazione dei dati relativi ai procedimenti penali per almeno 20 anni. Dunque, anche in caso di completa assoluzione, il Ministero può conservare i dati nel data-base della Polizia di Stato. Questa la conclusione della Corte, attraverso l’Ord., 29 agosto 2018, n. 21362.

A fini di polizia consentita la coservazione dei dati per tempi lunghi

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *