ICANN e nomi di dominio: incompatibilità col GDPR

Oltre a rappresentare una risorsa preziosa, il data base che raccoglie tutti i nomi di dominio ed i relativi soggetti registranti, con tanto di nomi e indirizzo, ha rappresentato un ausilio al contrasto di comportamenti illeciti sul WEB. Tuttavia non sembra più essere in linea con le nuove norme europee, né la soluzione prospettata di dare accesso solo alle forze dell’ordine ha incontrato il favore del largo pubblico. Una ricerca per trovare il giusto compromesso è in corso, ma difficilmente potrà essere implementata entro il 25 maggio. Svegliarsi prima?

GDPR e nomi di dominio

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.