Privacy anche per i dati informatici dei professionisti

Se un professionista, un commercialista, nel caso esaminato dalla suprema Corte, oppone il segreto professionale al sequestro di documenti, questo, anche i caso di indagine penale, si applica tanto ai documenti cartacei quanto ai dati informatici.

Questa la conclusione contenuta nella sentenza n. 51446 del 10 novembre 2017, che dà ragione ad un professionista che si è visto sequestrare, secondo la sua difesa al di là del mandato, archivi fisici ed informatici, contenenti dati di clienti, quindi protetti dal segreto professionale, estranei all’indagine.

Privacy e sequestri

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.