Un’altra spia, stavolta dall’Italia

Certo che quando sono soggetti non famosi per la salvaguardia della privacy a a lanciare l’allarme la situazione deve preoccupare. In particolare stavolta è Google a segnalare l’esistenza di un captatore particolarmente efficace, di produzione italiana, accessibile a vari soggetti pubblici e privati.

Un nuovo pericolo per i nostri smartphone

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.