Fattura elettronica? Con moderazione

Se dichiaro di guadagnare 100 non posso spendere 150 e questo vale sia per le imprese che per i privati cittadini. Una gestione elettronica degli scambi ha quindi il pregio di consentire un maggior controllo di congruità, sia a fini fiscali che di prevenzione dei reati. Però alcune libertà possono essere garantite solo dal contante, o comunque da una gestione elettronica che prescinda dal dettaglio dell’acquisto: è necessario che il fisco sappia che ho acquistato una bambola gonfiabile, piuttosto che il numero di pannolini o la taglia del reggiseno? Insomma: un controllo generico è legittimo e auspicabile, ma un eccessivo dettaglio viola le libertà individuali. Questo ciò che dice la logica, ma anche ciò che ritiene il Garante, il quale, pur approvando le linee generali della gestione elettronica delle fatture, ha richiamato i principi della minimizzazione.

Il Garante sulla fatturazione elettronica

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.