Blockchain e privacy: ancora nessun punto fermo

Uno dei temi ricorrenti del mondo privacy è il suo rapporto con le blockchain. Da un lato garantiscono sicurezza ed integrità, quindi sembrerebbero una meraviglia anche per la protezione dei dati, dall’altra sono piuttosto ostinate nella conservazione e non possono quindi garantire il diritto all’oblio, né la correzione del dato, al massimo possono aggiungere un elemento, oppure elementi passati possono essere cifrati. In questo articolo si dà atto che un punto fermo, ad oggi, non è stato raggiunto, per cui non resta che proseguire lo studio ed il dibattito, per non perdersi i vantaggi che questa tecnologia può garantire, senza però rischiare di prendere una direzione contraria ai principi fondamentali della protezione dei dati.

Blockchain e privacy ancora da studiare

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *