Enti Locali e ASL in perenne lotta con il GDPR

Non è assolutamente facile conciliare privacy e trasparenza, né è evitabile che nel trattare migliaia di dati non si commetta qualche errore ogni tanto. Per questo il Garante di solito non ha la mano pesante con chi fa del suo meglio, ma incorre in un errore. Come due casi di ASL che hanno consegnato o inserito nel fascicolo elettronico di un paziente il referto di un’altra persona. Può capitare, anche se non dovrebbe. Così come Comuni, Regioni ed Enti Locali in generale scivolano su qualche pubblicazione all’albo pretorio, dibattuti tra il rischio di non essere trasparenti se pubblicano un dato in meno e di venire sanzionati se ne pubblicano una di troppo. Diversi dunque i provvedimenti dell’Autorità nei confronti di queste realtà.

Il Garante e i dati sanitari #1

Il Garante e i dati sanitari #2

Il Garante e i Comuni #1

Il Garante e i Comuni #2

Il Garante e le Regioni

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *