Il Garante e i codici di condotta

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il Garante ha concluso il percorso per definire i criteri per l’accreditamento degli organismi deputati a monitorare i codici di condotta. Un codice di questo tipo non ha valore strettamente perentorio, anche perché a volte possono esserci situazioni oggettivamente particolari, che richiedono soluzioni diverse, ma sono certamente una guida importante per ogni settore e seguirli rappresenta un modo di dimostrare un atteggiamento responsabile, di essere (abbastanza) in regola in termini di accountability.

Il Garante e i codici di condotta

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *