Relazione del Garante

Nella giornata di ieri il Garante ha presentato la relazione annuale sull’attività del 2019, ma è stato inevitabile parlare anche della gestione dei dati durante l’emergenza. La situazione particolare nata col coronavirus ha creato tutta una serie di situazioni particolari che hanno investito il Garante. La più evidente è stata forse la app di contact tracing, ma ci sono state tante situazioni che hanno creato dubbi, dallo smart working alla necessità di comunicare con i familiari, bloccati al di fuori di ospedali e case di riposo, tanto per fare alcuni esempi macroscopici.

La relazione 2019 del Garante privacy

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *