Esami scolastici: i voti meglio tenerli riservati

Quest’anno gli esami è già un successo riuscire a farli, ma tutti ricordano con trepidazione il proprio esame: dall’esamino di seconda elementare, per chi ha già qualche capello bianco, all’esame di terza media, la maturità, la laurea. Tutti hanno ancora in mente l’emozione del momento dell’uscita delle tabelle, con i voti più o meno soddisfacenti, con quella materia che ti piaceva, ma non dava i risultati sperati, la materia incerta che non sai se hai passato oppure no. Tutto questo si è spostato sul WEB, com’è giusto che sia, ma è lecito pubblicare indiscriminatamente tutti i risultati? Chi non ha un quadro troppo positivo si deve sentire umiliato? Il Garante ha quindi messo qualche paletto, autorizzando sì la pubblicazione dei voti, legittima, ma chiedendo di evitare l’albo pretorio, accessibile a tutti. Ragionamento estensivamente valido anche per concorsi e simili.

Esami scolastici e privacy

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *