Le pompe funebri hanno diritto di sapere se la salma è infetta

Normalmente si tratta di casi rari, ma l’emergenza COVID-19 ha generato molti casi di salme infette, che devono essere trattate con le dovute cautele. Anche se la risposta dovrebbe sembrare ovvia, il Garante è comunque stato interpellato per sapere se le strutture sanitarie possono o meno comunicare alle pompe funebri la causa di morte. La risposta è stata positiva, dato che il diritto alla salute degli operatori e l’importanza sociale di limitare la diffusione del virus prevale sul diritto alla privacy. La risposta dovrebbe avere valenza più generale, applicandosi a tutte le malattie infettive.

Il diritto alla salute pubblica prevale sul diritto alla privacy

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *