Cosa pensiamo della app di tracciamento

Privacy Italiana ha sempre preferito riportare gli articoli con qualche commento, ma ha sempre evitato di prendere una posizione netta, tranne nell’esprimere la ferma contrarietà a usare il consenso estorto, ovvero a lasciare l’installazione della app al libero convincimento delle persone, salvo limitarne gli spostamenti in caso di mancato utilizzo. A parte questo, alcuni lettori hanno chiesto cosa ne pensiamo. In sintesi: è inutile. Non è un rischio eccessivo per la privacy, dato che i dati raccolti dai big del WEB superano di ordini di grandezza quanto si potrà ricavare da questo servizio; non è un rischio per la democrazia, almeno non un rischio superiore a quello dei tanti giochini “intelligenti” del tipo “chi eri nella tua vita passata”, “qual è la città dove dovresti vivere”, “quale animale sei” e così via, alle quali consegniamo volontariamente informazioni preziose (Cambridge Analytica insegna; o – meglio – non ha insegnato nulla). Ma è inutile anche dal punto di vista sanitario: se non è largamente diffusa, se non ci sono tamponi per tutti, se la gente non la guarda e non segue i protocolli non serve a nulla. Anzi, può essere pure dannosa, dato che in tanti l’hanno scambiata per un vaccino o un bollino di sana e robusta costituzione, per cui pensano che, appena installata, si possa uscire sereni e contenti ed andare all’apericena o al concerto. Insomma, a nostro parere si sta facendo un gran rumore per nulla, tranne che per il fatto che non si deve abbassare la guardia, né nella lotta con il virus, né nell’accettare sistemi che possono anche avere un loro perché in questo momento, ma che non devono poter essere mantenuti attivi ad emergenza finita. Vedremo, intanto continuiamo la nostra rassegna stampa, cominciando dai primi data breach di app similari.

In Olanda la prima fuga (nota) di notizie sui positivi

Convincere i cittadini a usare la app (e farlo in sicurezza)

Una lettera aperta da parte di tanti studiosi

Qualche considerazione su Immuni

L’app sarà open source

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *