Il censimento permanente al vaglio del Garante

Attraverso il censimento si raccolgono immense quantità di dati, utili per comprendere l’evoluzione della Nazione e della società, ma anche una concentrazioni di dati personali potenzialmente pericolosa per la privacy degli individui. Il Garante ha dunque cercato di contemperare queste necessità, attraverso un lungo studio ed un serrato confronto con l’ISTAT. Dopo un primo parere negativo un paio d’anni fa, si è arrivati ad un compromesso, anche se alcuni punti restano da migliorare.

Istat e Garante sul censimento permanente

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *