Controllo presenze con moderazione

Stavolta è la piccola Cipro, troppo spesso dimenticata nel panorama privacy europeo, a fare scuola riguardo il controllo dei lavoratori: se la rilevazione delle presenze e l’analisi per cercare anomalie, come frequenti assenze in corrispondenza di ponti e festività, è legittima, non si può invece affidare ad un algoritmo automatico l’incombenza.

L’uso dell’algoritmo per monitorare le assenze è illegittimo

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *